Messina: gli appuntamenti dell’Horcynus festival

tramonto.jpgL’Horcynus Festival giunge alla sua quarta giornata con uno dei momenti clou di questa edizione: la consegna del Premio Horcynus Orca 2010 al regista Giorgio Diritti per il film “L’uomo che verrà”(Italia, 2009). Altro momento importante della giornata: lo spazio dedicato alla “riconciliazione”, tema portante di questa edizione del festival, in questo caso incentrato sull’Iraq, con la proiezione del film”Kick Off-Calcio d’inizio” del regista iracheno Shawkat Amin Korki, inserito nella sezione Mare di cinema arabo.
La giornata  si aprirà all’insegna dell’iniziativa multidisciplinare Bambini in Comune. La cultura dell’accoglienza a cura dell’AiBi (Associazione Amici dei Bambini) in collaborazione con l’Assessorato alla Famiglia del Comune di Messina e l’ONLUS “Fare Verde-Gruppo locale di Messina”. L’evento in programma alle 17.30 sarà un approfondimento sulle tematiche (talvolta tragiche e dolorose) legate al mondo dei più piccoli. Per l’occasione verrà proiettato il lungometraggio “Vai e vivrai” (Francia/Belgio/Israele/Italia, 2005) del regista rumeno Radu Mihaileanu autore di opere di successo internazionale come “Train de vie” e “Il concerto”. La storia parte dall’ Etiopia, durante la carestia del 1984-85, quando la popolazione di religione ebraica poté contare sull’aiuto di Israele e degli Stati Uniti e raggiungere la Terra Promessa per il progetto denominato “Operazione Mosè”. Schlomo, benché non sia ebreo e non possa vantare una discendenza semita, viene convinto dalla madre a mentire e a fingersi ebreo per sfuggire alla morte. In seconda serata, la proiezione dell’opera ultima di Giorgio Diritti L’uomo che verrà (Italia, 2009), Premio Horcynus Orca 2010. Un’opera morale dove Diritti ci mostra il mondo contadino e i luoghi che saranno teatro di una violenza incredibile (l’eccidio nazista di Monte Sole) attraverso lo sguardo di Martina, una bambina di appena otto anni. Lei forse non conta nulla, non può decidere nulla, assiste alla distruzione del suo mondo e riesce solo a salvare il fratellino, l’uomo che verrà, il mondo che verrà. Ritirerà il Premio Horcynus Orca 2010 l’attore protagonista Claudio Casadio.
Alle 23 per la sezione cinematografica  Mare di cinema arabo sarà proiettato il lungometraggio “Kick Off – Calcio d’inizio –“ (Iraq/Giappone, 2009) del regista iracheno Shawkat Amin Kirki. Anche il tema conduttore della sezione araba sarà La riconciliazione (focus Iraq) e il film scelto per questa rassegna non narra propriamente una storia sul calcio; utilizza piuttosto il gioco come metafora per qualcosa di più importante dello sport: la solidarietà tra persone di fronte alla tragedia della guerra. Questo secondo film del regista Shawkat Amin Kirki si ispira ad una storia vera. In Iraq, dove migliaia di famiglie hanno visto distruggere e confiscare le proprie case, un vecchio stadio di calcio è rimasto l’unico rifugio per molti.
Centinaia di curdi, turchi, assiri e arabi vivono fianco a fianco in quartieri improvvisati nella grande struttura di cemento. Sono più le cose che li dividono che quelle che li accomunano, ma c’è una cosa che unisce questi diversi gruppi etnici: la passione per il calcio. Comico e commovente, il film illustra la vita in Iraq meglio di qualsiasi reportage, rendendo intenso il racconto attraverso l’uso del bianco e nero con qualche tocco di colore. Il film ha vinto il premio New Currents and critics al Festival di Pusan.