Fini a Messina per lanciare Fli anche in Sicilia

gianfranco20fini_7_11.jpgLa liberta’ si basa su un giudice che afferma il principio della legalita’, altrimenti non c’e’ la liberta’ ma il predominio dell’arbitrio. Per la giustizia italiana la priorita’ non e’ tanto una ”riforma normativa” quanto un intervento nei meccanismi amministrativi che permetta di realizzare il principio costituzionale di una giustizia celere“. Con queste parole, il presidente della Camera nonché leader del movimento-partito ‘Futuro e Libertà Italia’, Gianfranco Fini, intervenendo a una manifestazione pubblica a palazzo di Giustizia di Messina, ha aperto la sua visita in terra Siciliana, dove vuole lanciare il suo nuovo schieramento politico. Fini ha anche auspicato che maggioranza e opposizione dialoghino indicando ”uno o due obiettivi strategici” sui convergere, tra i quali dovrebbe esserci l’affermazione del”principio di legalita’Fini si è poi spostato al Teatro Vittorio Emanuele, dove e’ iniziata una convention organizzata da Futuro e Liberta’ e dedicata al tema del lavoro. A prendere per primo la parola e’ stato Carmelo Briguglio, capo della segreteria politica di Futuro e Liberta’. Fini al suo ingresso e’ stato accolto da un’ovazione e dall’Inno di Mameli. Tra i presenti anche esponenti dell’ Mpa e dell’Udc, tra cui Giampiero d’Alia. La prossima settimana, il Presidente della Camera sarà nell’altra sponda dello Stretto, a Reggio Calabria.