Polemica della Rete “No Ponte” contro le scelte del consiglio comunale

ponte-sullo-stretto.jpg“Sul disastro sociale e finanziario provocato dal Ponte sullo stretto ancora prima della sua realizzazione molto è stato detto. Ma il consiglio comunale di una città espropriata e impoverita (soprattutto dai poteri forti e pontisti, quelli che sovrintendono il taglio dei finanziamenti per le zone colpite dalle frane nel 2009 e nel 2010, l’abbandono del sistema ferroviario, il dirottamento dei fondi Fas previsti per Messina) avrebbe dovuto esprimersi sull’Accordo di programma, funzionale all’approvazione del progetto definitivo del Ponte. Un Accordo su un progetto inconsistente, folle sul piano economico e che adesso avrebbe come garante un governo moribondo. Un Accordo sulla cui irricevibilità  non avrebbe dovuto sorgere alcun dubbio da parte dei rappresentanti di questa comunità. Ma all’inconsistenza progettuale ed economica del Ponte sullo stretto si associa l’irresponsabilità  del Governo della città, del suo Sindaco perennemente assente ai lavori del consiglio comunale (come la maggioranza dei consiglieri) e lo scandalo del mancato raggiungimento del numero legale. Mentre la città  ogni giorno di più si sgretola socialmente e materialmente il Consiglio Comunale riesce solo a suscitare, soprattutto tra le giovani generazioni, quelle più interessate ai destini di questo territorio e per questo più determinati ad opporsi al Ponte, un grande sentimento di vergogna e di rabbia”: è il testo diffuso dalla Rete No Ponte.

Polemica della Rete “No Ponte” contro le scelte del consiglio comunaleultima modifica: 2011-11-16T07:58:00+01:00da VirgilioMessina
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Polemica della Rete “No Ponte” contro le scelte del consiglio comunale

  1. sono messinese e certe volte mi pento di essere messinese , come per esempio la storia di questo benedetto ponte dello stretto che senza nemmeno mettere una pietra e già costato 700 milioni di euro dal giorno in cui si parla di ponte.
    mi ricordo che ogni politico che si presentava in campagna elettorale diceva che faceva tutto il possibile ed anche l’impossibile per fare costruire questo ponte perfino il nostro ex premier si fece contaggiare dalla faraonica impresa di fare il ponte sullo stretto dicendo che sarebbe stato fatto grazie a lui e quindi noi messinesi dovevamo almeno mettere il suo nome nel ponte ma purtroppo come io avevo previsto non si e fatto niente per l’ennesima volta , quindi io adesso sono contro il ponte , perchè mi sono stancato di essere preso in giro. tanto il ponte sullo stretto non si farà mai , per tanti motivi , ne dico solo uno che basta per tutti , quello della costruzione che ancora oggi dopo centinaia di progetti ancora non si e risolto il fattore del vento , si perchè cari signori nello stretto di messina le raffiche di vento sono fortissime e quindi un eventuale ponte sarebbe sollecitato in continuazione da raffiche di vento mostruose e non c’è ingegnere che può fare il calcolo delle sollecitazione che subisce il ponte nel tempo e quindi il rischio chi se lo prende?

Lascia un commento