Nuova manifestazione dei ‘No-Ponte’. Risponde il Comitato Ponte Subito: “Ma quando la finiranno?”

nopontemanif.jpgIn circa 3.000 (secondo gli organizzatori, molto meno per la questura) hanno partecipato nei giorni scorsi all’ennesima manifestazione contro il Ponte sullo Stretto di Messina. La manifestazione s’è svolta tra le vie del centro i Torre Faro, nei pressi del cantiere di via Circuito dove sono in corso le trivellazioni per i sondaggi della relazione del progetto definitivo, in corso da diverse settimane.
Tra i manifestanti, numerosi esponenti politici di centro/sinistra.
Dall’altro fronte, i fondatori del Comitato Ponte Subito (Giovanni Alvaro e Bruno Sergi) hanno diffuso una nota per commentare la manifestazione: “Ma quando finiranno di dire sempre no?. Dopo la serie di continui rovesci e di flop collezionati si sono ripresentati, pimpanti più che mai, anche se sempre di meno, in questo fine agosto scelto per organizzare un ‘importante’ corteo che, per esser tale, ha bisogno anche della partecipazione di calabresi e siciliani.  Gli argomenti ‘contro’ sono sempre gli stessi e mal riposti: progetto incompatibile con il territorio perché devastante dal punto di vista ambientale, ma ‘atteso con frenesia’ dal governo, dalle amministrazioni locali e da ‘certe associazioni’; ‘folle per i costi’ che sono uno schiaffo alla povertà del Sud; inutile per la Calabria, e per la Sicilia, perché esse hanno bisogno di ‘ben’altro’. Ed allora ci si appella alle popolazioni ‘affinché comprendano che al loro futuro non serve un simile manufatto’. Anche gli argomenti a ‘favore’ sono ovviamente gli stessi, ma non serve a niente sciorinarli dato che non esiste peggior sordo di chi non intenda sentire. Sembra, invece, più giusto e opportuno rintuzzare alcune amenità che l’iniziativa dell’Associazione ‘Cantiere Creativo’ (ma creativo o distruttivo?) ha messo in evidenza”.

Nuova manifestazione dei ‘No-Ponte’. Risponde il Comitato Ponte Subito: “Ma quando la finiranno?”ultima modifica: 2010-09-03T21:09:03+02:00da VirgilioMessina
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento