Ponte: Aconex gestirò i sistemi informativi del progetto. I dubbi di D’Alia

ponte1.jpgAconex, il maggior fornitore al mondo di soluzioni online per la collaborazione progettuale rivolte ai settori delle costruzioni e delle infrastrutture, è stata scelta dal consorzio Eurolink per fornire la sua soluzione online per la collaborazione progettuale al progetto del valore di 6,1 miliardi di euro per la costruzione del ponte sullo stretto di Messina. Aconex si occupera’ della gestione delle informazioni e della comunicazione tra le organizzazioni internazionali impegnate nelle opere infrastrutturali del progetto. Aconex garantira’ a tutto lo staff di progetto una piattaforma web-based comune per la gestione di informazioni tra cui disegni, documenti e corrispondenza. Grazie al suddetto sistema, Eurolink e gli altri azionisti potranno accedere, distribuire e tener traccia delle informazioni in tempo reale, da qualsiasi luogo, in qualsiasi momento.  Il consorzio Eurolink e’ formato da: Impregilo, Societa’ Italiana Condotte SpA, Cooperativa CMC e Consorzio Stabile A.C.I (Italia); Sacyr SA (Spagna); Ishikawajima-Harima Heavy Industries (Giappone). La societa’ di ingegneria civile danese COWI Group e’ il principale consulente progettuale e il Parsons Transportation Group fornisce servizi di consulenza per la gestione del progetto. Tra i  clienti di Aconex le societa’ Las Vegas Sands, IKEA e McDonald’s Restaurants. Intanto il capogruppo dei senatori dell’Udc Giampiero D’Alia ha detto che ”Siamo favorevoli alla realizzazione del Ponte sullo stretto di Messina ma chiediamo che le scelte strategiche su quest’ opera vengano concertate con tutte le forze politiche e con la citta’, cosi’ come tutte le decisioni che riguardano il piano regolatore”. ”Il ponte vincola gia’ il 50% delle scelte che riguarderanno il nostro territorio – ha proseguito D’Alia – e devono quindi essere il piu’ possibile condivise”. Sul Prg cittadino D’Alia e gli altri esponenti locali dell’Udc, il deputato regionale Giovanni Ardizzone e il deputato nazionale Pippo Naro chiedono che all’interno ”del governo cittadino ci sia maggiore concertazione sulle scelte” e auspicano che ”si rispettino alcuni regole presenti nel piano paesistico”.

Ponte: Aconex gestirò i sistemi informativi del progetto. I dubbi di D’Aliaultima modifica: 2010-06-21T08:58:08+02:00da VirgilioMessina
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento