Post-Alluvione: riconsegnata scuola a Giampilieri, ma continuano le proteste

alluvione giampilieri.jpg
Il sindaco di Messina, Giuseppe Buzzanca, ha riconsegnato oggi al dirigente scolastico Aldo Violato, dopo oltre 4 mesi dall’alluvione del primo ottobre 2009, la scuola di Giampilieri, la frazione maggiormente colpita dalle frane-killer. Le lezioni riprenderanno lunedì. La struttura subito dopo l’alluvione era stata destinata al centro di coordinamento delle operazioni di emergenza e gli alunni erano stati dislocati in diversi istituti cittadini.

Durante la cerimonia per la riapertura dell’istituto è stata scoperta una targa commemorativa che ricorda la tragedia ed è stata rinnovata la volontà da parte del sindaco, del consiglio d’istituto e del collegio docenti della scuola di intitolare il plesso scolastico a Simone Neri, l’eroe di Giampilieri che, prima di morire, salvò otto persone.

Intanto però una parte degli sfollati si prepara a scendere in piazza. Alle 9,30 di domani, sabato 6 febbraio, i cittadini dei centri colpiti dall’alluvione aderenti al comitato ‘Insieme per non dimenticare’, sfileranno in corteo in città come forma di protesta contro i provvedimenti di rientro nelle abitazioni che, secondo la protezione civile, si trovano in zone non pericolose. Una valutazione contestata dagli aderenti al comitato che ritengono infatti ancora ”a rischio” le loro abitazioni per la mancata messa in sicurezza della montagna.

Post-Alluvione: riconsegnata scuola a Giampilieri, ma continuano le protesteultima modifica: 2010-02-08T08:54:07+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento