Taormina Jazz Festival

taormina,jazz,festivalAppuntamento siciliano con il jazz a Taormina (Messina)  dal 17 al 22 Luglio 2012. Il Taormina Jazz Festival, che si avvale della direzione artistica di Toti Cannistraro, si propone di promuovere il jazz come forma d’arte, celebrandone la ricca varietá tra gli standard tradizionali e le innovazioni delle sue espressioni piú sperimentali. Il Taormina Jazz Festival si svolge nel suggestivo scenario della Villa Comunale di Taormina, ed é un’iniziativa sostenuta da privati che intendono offrire musica di qualità alla città di Taormina, al suo pubblico e ai tanti turisti, senza alcun costo d’ingresso.  La rassegna gode dell’indispensabile supporto e patrocinio dell’Assessorato al Turismo e Verde Pubblico della Cittá di Taormina ed é stata inclusa tra gli eventi che compongono il ricco calendario di Taormina Arte.

Taormina. La Norma di Bellini al Teatro antico, in prevendita europea anticipata

taormina-antico-teatro.jpgPerché conviene acquistare i biglietti di uno spettacolo di un’opera lirica con mesi di anticipo? Perché così ci riserveremo i posti migliori e questi a un prezzo migliore,in fondo è quello che si fa con i biglietti aerei: hai una maggiore scelta e costa meno se acquisti subito e non aspetti l’ultimo momento. Questa è la strategia messa a punto  da Enrico Castiglione per le stagioni operistiche della sua direzione artistica della sezione “Musica & Danza” di Taormina Arte e lo è  di nuovo per la quarta edizione del Bellini Festival. Già dallo scorso febbraio è stata aperta la prevendita dei biglietti del nuovo allestimento di NORMA che andrà in scena la prossima estate l’8 e il 10 Luglio 2012 nel meraviglioso scenario del Teatro Antico di Taormina con un successoincredibile di vendite, tanto che già alcuni settori come il parterre e la tribuna stanno andando verso il gran pienone.

«Si tratta – ha detto Castiglione – di un nuovo spettacolare allestimento che utilizzerà l’intero spazio scenico del Teatro Antico per ricrearvi un’immensa foresta nascosta da imponenti rocce e dirupi: quella delle Gallie al tempo della conquista romana, dove si consuma la sofferta storia d’amore tra Norma, sacerdotessa dei Druidi e Pollione, proconsole dell’Impero Romano».
Sarà una spazio verde molto particolare che Castiglione metterà in scena grazie a soluzioni sceniche innovative che non mancheranno di sorprendere gli spettatori, in stretta simbiosi con le rovine romane attuali del Teatro Antico, messe in risalto proprio in segno della decadenza di Roma di fronte all’estremo sacrificio dei due protagonisti con cui si conclude drammaticamente l’opera.
D’altra parte, la Norma sembra essere l’opera più adatta per essere calata, appunto, tra le mura dell’antica cavea. Basterà uno scorcio di luna come quelli che sa offrire Taormina durante le belle notti d’estate, per avere un palcoscenico unico e irripetibile per arricchire una performance che si annuncia ricca di spettatori provenienti da tutto il mondo, allo scopo di trovarsi accolti da uno scenario che solo Taormina sa offrire ai suoi ospiti.

Enrico Rava Quintet “Tribe” Domenica 6 Maggio al Palacultura

rava,enrico rava,jazz,messina,ecm, concerto ravaENRICO RAVA, tra i apprezzati  jazzisti italiani  a livello internazionale, sarà, domenica 6 maggio al PalAntonello con TRIBE.

Negli anni le sue proposte musicali hanno seguito esperienze diverse e stimolanti.

Attivo sulla  scena jazzistica da metà degli anni sessanta, si è imposto velocemente tra i più convincenti solisti europei.
Personaggio schietto  ed artisticamente versatile si pone al di fuori di ogni schema come un musicista rigoroso e non incline alle convenzioni. Dalla sua sonorità lirica e struggente sempre sorretta da una stupefacente freschezza d’ispirazione, risaltano fortemente in tutte le sue avventure musicali.
Tra la sua numerosa discografia sono da segnalare gli imperdibili Quartet (ECM 1978) “Rava l’opera Va” (Label Bleu 1993), “Easy Living” (ECM 2004), “Tati” (ECM 2005) e “The Words and the Days” (ECM 2007) e l’ultimissimo ”New York Days” (ECM 2009).


Non è difficile usare i superlativi per raccontare la sua avventura musicale, talmente ricco è il suo curriculum, talmente affascinante il suo mondo musicale, talmente lungo l’elenco dei musicisti con i quali ha collaborato ,italiani, europei, americani: Franco D’Andrea, Massimo Urbani,Stefano Bollani ( con cui suona da anni in un acclamatissimo duo) Joe Henderson, John Abercrombie, Palle Danielsson, Jon Christensen, Pat Metheny,Archie Shepp, Miroslav Vitous, Daniel Humair, Michel Petrucciani, Charlie Mariano, Joe Lovano, Albert Mangelsdorff, Dino Saluzzi, Richard Gallliano, Martial Solal, Steve Lacy ecc…
 
Nel settembre 2011 è uscito per ECM (etichetta con cui incide dal 1975) il nuovo CD in quintetto “TRIBE”.
Tribe è il titolo della sua ultima opera, ma anche del quintetto che guida. Tribe è composto da Fabrizio Sfera alla batteria, Gianluca Petrella al trombone, Giovanni Guidi al piano e Gabriele Evangelista al contrabasso.

Enrico Rava Tribe sarà, domenica 6 maggio ore 18 al PalAntonello, e chiuderà la 91ª stagione concertistica della Filarmonica Laudamo.
Per la performance di Enrico Rava Tribe non sarà effettuata prevendita. I biglietti al costo di € 20,00 saranno venduti direttamente al Palacultura Antonello dalle ore 17,30, sbrigatevi si va a esaurimento dei posti disponibili.

fonte

Il 6 settembre a Messina fa tappa il Tour di Raf

raf.jpg
Fara’ tappa anche a Messina, il 6 settembre, il Metamorfosi Tour 2009 di Raf.

Il concerto, organizzato da Giuseppe Rapisarda Management, aprira’ il ‘settembre’ del cartellone di MessinaEstate2009, varato dal Comune, che segna il ritorno della grande musica nella Citta’ dello Stretto.

Raf si esibirà a Villa Dante.

Dopo il successo del suo ultimo album ‘Metamorfosi’, i cui due primi singoli, ‘Ossigeno’ e ‘Non e’ mai un errore’, hanno stazionato ai vertici dell’airplay radiofonico, il cantautore pugliese e’ in giro nelle citta’ piu’ importanti con la versione estiva del suo Tour, che lo vede suonare ininterrottamente dallo scorso inverno.

Il nuovo Tour propone un Raf in grande forma, con la sua alchimia, tanto apprezzata dal pubblico, di sentimenti, riflessioni e pop italiano moderno ed innovativo. Una chiave personale ed incisiva, messa a punto dall’artista nel corso della sua lunga carriera, iniziata nel 1984 con il brano ‘Self control’, giunto al primo posto nelle classifiche di tutto il mondo, Stati Uniti compresi.

Il Metamorfosi Tour 2009, figlio del suo ultimo lavoro discografico, parla del fluire della vita, dello scorrere del tempo e della capacita’ di vivere tutto questo con un’apertura d’animo in grado di abbracciare la gioia come il dolore, il bene come il male.

Anche a Messina è il weekend della Festa Europea della Musica

musica.jpgIl 21 Giugno è il giorno del Solstizio d’Estate, ma quest’anno sarà anche la domenica della musica che a Messina è la principale protagonista di un grande evento: la Festa Europea della Musica, che dal 1982 rende omaggio all’estate attraverso a quest’arte tanto amata in giro per le città d’Europa. E quest’anno ad ospitarla è proprio la città peloritana dello Stretto.

La manifestazione è stata presentata ieri a Roma, nella sala del Consiglio Nazionale al Ministero per i Beni e le Attività Culturali dove, tra gli altri, era presente il vicesindaco e assessore alla cultura Giovanni Ardizzone che ha presentato l’evento invitando i cittadini a rendere assolutamente tranquilla l’evoluzione del fine settimana che vedrà Messina sui principali palcoscenici mediatici internazionali, grazie alla musica.

Per coordinare la viabilità notturna, oltre agli agenti della polizia municipale saranno presenti anche i volontari della Protezione civile (Organizzazione europea Vigili del Fuoco di Messina e di S. Agata di Militello, Rangers di Brolo, Maremonte 2004, Nucleo Diocesano, Club Radio Cb di Tusa, Vigili discontinui, Corpo Gerosolimitano, Misericordia S. Licandro).

Inoltre dalle ore 14 di giovedì 18, alle ore 24 di domenica 21, è stato istituito il divieto di sosta e transito in tutta l’area di parcheggio tra piazza Duomo ed il corso Cavour, dalle 14 alle 24 del 20 giugno, divieto di sosta nell’anello esterno di piazza Lo Sardo; dalle ore 16 alle ore 24 di sabato 20, divieto di transito in via A. Martino, tra le piazze Masuccio e Lo Sardo. Dalle ore 19 alle ore 21 di domenica 21, divieto di transito nel corso Cavour, nel tratto tra piazza Antonello e via della Zecca e dalle ore 19 di domenica 21 alle ore 02 di lunedi 22, divieto di sosta e transito in via Natoli, nei 30 metri a sud dall’intersezione con via T. Cannizzaro.

La “Festa della Musica” inizierà oggi pomeriggio: il primo appuntamento nell’Aula Magna dell’Università alle ore 19, quando sarà inaugurata la Mostra sul fondo musicale del prof. Salvatore Pugliatti, a cura dell’Università e della Biblioteca Regionale di Messina con un’annessa conferenza dal titolo “Salvatore Pugliatti e la musica”, a cura del Prof. Nazzareno Saitta.
A partire dalle 21, gli eventi di apertura proseguiranno sulla Scalinata dell’Ateneo con il concerto dell’Orchestra sinfonica del conservatorio A. Corelli, diretta dal Maestro Antonino Fogliani. Il calendario completo degli appuntamenti è consultabile sul sito del Comune di Messina, dove la Rete Civica propone il cartellone completo: http://www.cittadimessina.it/spettacoli.htm

La Festa della Musica  nacque in Francia nel 1982 voluta dall’allora Ministro per la Cultura Jack Lang  e dal 1995 ha assunto un carattere internazionale diventando uno degli appuntamenti più importanti nel calendario estivo di molte città. Si tratta di una grande festa popolare e gratuita aperta a tutti coloro che desiderano esibirsi e a tutti i generi musicali. Oggi sono coinvolti 5 continenti e più di 350 città, dati che testimoniano la volontà degli enti organizzatori, pubblici e privati, di favorire una migliore conoscenza delle attuali realtà artistiche del proprio territorio, e l’interesse a sviluppare gli scambi con le altre comunità e paesi.

Durante la festa della Musica si potrà assistere ad un suggestivo connubio di generi musicali e a un fecondo scambio tra professionisti del settore e amatori al fine di fare nascere, in musica, un dialogo tra culture e generi musicali il più ampio possibile. La Festa Europea della Musica collabora con reti istituzionali (ambasciate, istituti di cultura all’estero, municipi..) e professionali (artisti, teatri, conservatori, accademie e orchestre), al fine di proporre un più ampio ventaglio di proposte e alternative musicali, tutte di altissimo livello culturale e di intrattenimento. La Festa della Musica è l’occasione per migliaia di musicisti di esibirsi sia negli spazi tradizionalmente dedicati alla musica sia nelle strade, nelle piazze, nei cortili, nei musei, in tutti i luoghi pubblici delle città dove la musica può incontrare un pubblico.

In Italia la Presidenza del Consiglio dei Ministri ha concesso il patrocinio alla Manifestazione riconoscendone l’importanza culturale e, per il quarto anno consecutivo il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, in collaborazione con la Direzione Generale per l’Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica del MIUR, partecipa alla Festa Europea della Musica. Quest’anno ci si avvale anche della collaborazione dell’Associazione Italiana per la Promozione della Festa della Musica, con la quale si è stipulata una apposita convenzione, che provvederà a contattare le sedi istituzionali provinciali ed i Comuni, per estendere sul territorio l’adesione all’evento. Inoltre, saranno presi accordi internazionali con il Ministero della Cultura francese, per eventuali scambi artistici.

La scorsa edizione a Roma, in occasione della Festa, giunta nella capitale alla sua XIV edizione, parteciparono oltre 900 artisti in 85 spazi con il coinvolgimento di oltre 300.000 presenze. Coloro che parteciperanno alla festa della Musica verranno inseriti in un vasto programma di comunicazione con spazi sui maggiori quotidiani nazionali, locandine, poster che verranno distribuiti in tutta la città.

La Festa della Musica si fonda sui principi seguenti:

1 – La  Festa della Musica si svolge, ogni anno, il 21 giugno.

2 – La  Festa della Musica è una celebrazione della musica dal vivo destinata a mettere in rilievo l’ampiezza e la diversità delle pratiche musicali, in tutti i generi della musica.

3 – La  Festa della Musica è un richiamo alla partecipazione spontanea e gratuita che è indirizzata contemporaneamente sia ai musicisti amatoriali che a quelli professionisti, per dar loro la possibilità di esprimere il loro talento.

4 – Tutti i concerti sono gratuiti per il pubblico. Gli organizzatori si impegnano a promuovere, in questo quadro, la pratica musicale e la musica dal vivo senza alcuno scopo di lucro e profitto.

5 – La  Festa della Musica è una giornata eccezionale per  tutti i generi musicali e tutti i pubblici. Deve restare una manifestazione aperta, fonte di scambi e di scoperte.

6 – La  Festa della Musica, il più spesso possibile, è una manifestazione all’aria aperta, che si svolge attraverso le vie, nelle piazze, nei giardini pubblici, nelle corti… La Festa della Musica è l’occasione di aprire eccezionalmente al pubblico dei luoghi che non sono tradizionalmente sede di concerti: musei, ospedali, edifici pubblici…

www.festaeuropeadellamusica.com

www.beniculturali.it