Maltempo e alluvioni, oggi pomeriggio un incontro “per capire cosa fare”

Locandina-dibattito-cllima-dissesto-sicurezza-200x300.jpgLa Provincia di Messina anche in quest’autunno è stata colpita da fenomeni meteorologici estremi che hanno purtroppo avuto tragiche ripercussioni sul territorio Peloritano, non solo per i tre morti di Saponara ma anche per i danni ingentissimi a Barcellona Pozzo di Gotto, Milazzo e molte altre località della fascia Tirrenica devastata dall’alluvione del 22 novembre e ancora prima nelle zone joniche per le forti piogge verificatasi nei primi giorni del mese scorso. L’associazione “Cantiere sociale” (editrice del quotidiano online “Nuovosoldo”) si è posta la domanda “che fare?” di fronte a questi disastri, che sul territorio messinese si ripetono da anni (come dimenticare il disastro del 1° ottobre 2009 a Giampilieri e Scaletta Zanclea, e quelli degli anni ancora precedenti su molte località della provincia?), e per provare a dare una risposta a questa domanda ha organizzato un incontro in programma per venerdì 16 dicembre (ore 16.30) nei locali del Monte di Pietà (via 24 maggio angolo piazza Crisafulli). “Denunciare le situazioni di insostenibilità ambientale, notificare le incurie delle autorità nella gestione del territorio, riportare l’elenco dei danni – a cominciare dalle vite umane travolte – provocati dai disastri: tutto questo è giusto, va bene, ma non basta. Abbiamo chiamato quattro esperti per ragionare insieme a loro e ai cittadini su cosa sia possibile fare in concreto per mettere in sicurezza vite e beni, territori e abitazioni, infrastrutture e prospettive di futuro. L’occasione sarà data dall’incontro di venerdì”, spiegano gli organizzatori. A dare risposte quanto più concrete possibili l’associazione ha chiamato il prof. Giaimi, presidente del comitato promotore del Parco dei Peloritani; il dott. Daniele Ingemi, metereologo ed esperto di mutamenti e andamenti climatici della Redazione di http://www.meteoweb.eu/; l’ing. Ettore Lombardo, direttore del Parco fluviale dell’Alcantara, e l’ing. Gaetano Sciacca, capo del Genio civile di Messina. Inoltre sono previsti interventi programmati, fra cui si segnala quello di Giovanni Tornesi, esperto di politiche forestali e di assetto del territorio. Come evolveranno i mutamenti climatici in atto e come una comunità si possa attrezzare per conviverci? Come si controlla e si prevede il dissesto idrogeologico? Quali sono le tecniche e le opere con cui si mettono in sicurezza le vite umane nel nostro territorio? Si tratta di domande cruciali, che superano la “retorica” che ormai cinge ogni singolo disastro, da Giampilieri a Saponara, da Barcellona a Galati. L’intendimento è appunto quello di individuare il “fattibile” nell’attuale contesto della crisi e nel prossimo futuro. I lavori dell’incontro saranno coordinati dal prof. Giuseppe Restifo, direttore responsabile del quotidiano online “Nuovosoldo”. Appuntamento a venerdì, quindi. Per vederci chiaro.

Grande successo per la tombolata di fine anno alla Città del Ragazzo

tombola.jpgAlla presenza dell’assessore alle politiche per la famiglia, Dario Caroniti, si è svolta alla Fondazione “Città del Ragazzo” la tombolata di fine anno, organizzata dal Cag “l’Impronta di Gravitelli – cooperativa sociale C.A.S. di Messina”. L’iniziativa, che rientra tra le attività di impegno socio-politico e di turismo sociale previste per i centri di aggregazione, tende ad avvicinare due generazioni “minori e anziani” ed è finalizzata a fare comprendere ai piccoli l’importanza ed il rispetto per le persone anziane. Prima della tombolata i minori hanno recitato una poesia natalizia. La C.A.S. ha acquistato piccoli regali, che sono stati donati ai vincitori e a tutti i partecipanti.

Nel weekend a piazza Cairoli ‘Il Policlinico incontra il cittadino’

medici.jpg“Un atto d’amore nei confronti della città”. Così il direttore generale dell’Aou “G. Martino”, dott. Giuseppe Pecoraro, ha voluto definire la  manifestazione “Il Policlinico Incontra il cittadino” che il 16 e 17 dicembre vedrà l’azienda ospedaliera presente a piazza Cairoli e i cui dettagli sono stati illustrati oggi in conferenza stampa. All’incontro con i giornalisti, insieme al direttore generale e al direttore sanitario, dott. Manlio Magistri,  hanno partecipato tutti i direttori di dipartimento dell’azienda ospedaliera universitaria; dipartimenti che venerdì e sabato saranno in piazza, lato mare, all’interno di quello che è stato pensato come un piccolo “villaggio della salute”. “L’azienda – ha sottolineato il direttore generale – è impegnata in un costante processo di miglioramento; l’intento è quello di creare le condizioni per offrire al cittadino prestazioni di qualità e maggiore sicurezza. La scelta di “scendere in piazza” scaturisce dalla volontà di rispondere in modo semplice a quella che pensiamo sia una richiesta naturale dell’utente: più conoscenza e più informazione su temi di grande importanza come quelli legati alla salute. L’adesione di tutti i dipartimenti a questo evento è la dimostrazione che all’interno dell’azienda vi è lo stesso coinvolgimento e un comune sentire che coinvolge tutte le unità operative. Nello spazio che verrà allestito il cittadino potrà indirizzarsi verso l’area di maggiore interesse: materno infantile, medicina interna, medicine specialistiche, laboratorio, diagnostica per immagini, neuroscienze, anestesia rianimazione ed emergenze medico-chirurgiche, chirurgia generale, Oncologia ed Anatomia patologica, chirurgia specialistica, toraco-cardiovascolare, servizi. Gli stand saranno in tutto 15, comprendendo anche tutte quelle realtà collaterali che ruotano attorno all’Azienda e con essa collaborano come l’Avis e tutte le associazioni di volontariato che come Consulta Aziendale operano all’interno del policlinico. Durante la due giorni vi sarà anche la possibilità di approfondire tematiche specifiche all’interno di una sezione specifica chiamata “angolo del cittadino”, un settore dove i professionisti si alterneranno – con appuntamenti cadenzati ogni mezz’ora – per analizzare e illustrare sintomi, caratteristiche e trattamenti di alcune patologie. 
Tra gli obiettivi dell’iniziativa vi è anche quello di intraprendere un processo di autovalutazione: all’ingresso  verrà distribuito un questionario, utile per comprendere quale siano gli aspetti e le problematiche su cui vi è una maggiore richiesta di intervento e che potrà poi essere riconsegnato prima di uscire. 

Alluvione: dalla Regione i primi fondi per rilanciare le attività produttive

2et2yhl6.jpgLa giunta regionale siciliana presieduta da Raffaele Lombardo ha approvato la delibera che autorizza l’assessorato alle Attivita’ produttive a utilizzare circa 9 milioni di euro in favore del settore turistico e alberghiero dei Comuni della provincia di Messina colpiti dalle alluvioni del 21, 22 e 23 novembre scorsi. Si tratta del 25% delle risorse accantonate sulla linea di intervento 3.3.1.4 del P.O.-FERS 2007-2013. Potranno accedere ai fondi micro, piccole e medie imprese che gestiscono o intendano intraprendere la gestione di: alberghi; motels; villaggi albergo; residenze turistico alberghiere; campeggi; villaggi turistici; affittacamere; case ed appartamenti per vacanze; case per ferie; ostelli per la gioventu’; rifugi alpini; aziende turistico residenziali e di turismo rurale con esclusione delle aziende agrituristiche di competenza dell’assessorato alle Risorse agricole. “Cosi’ come fatto in un caso di estrema emergenza quale e’ stata quella vissuta da Lampedusa nei mesi passati -dice l’assessore alle Attivita’ Produttive, Marco Venturi- anche per il territorio del messinese dove si sono registrati innumerevoli danni e purtroppo 3 vittime, abbiamo deciso di intervenire in maniera concreta in favore delle attivita’ produttive sconvolte da un evento cosi’ disastroso. Le piccole e medie imprese del settore turistico di questo territorio potranno, accedendo al bando di prossima emissione, contare su agevolazioni a fondo perduto nella misura del 50 per cento del costo previsto per l’attivazione, la riqualificazione e l’ampliamento delle strutture ricettive”.

E’ il giorno dello sciopero di due ore con assemblee nei luoghi di lavoro

cisl_logo1.jpgTagli ai costi della Politica, patrimoniale, tassazione transazioni finanziarie, riforma del fisco che recuperi l’evasione fiscale, sviluppo industriale che faccia ripartire lavoro e consumi. Questo si doveva e si dovrebbe fare”. Fim Cisl e Uilm Uil di Messina dicono No alla manovra e proclamano due ore di sciopero aderendo allo sciopero nazionale di tutti i metalmeccanici. “Il nuovo governo – affermano le segreterie provinciali – aveva annunciato una manovra, seppur pesante e necessaria, equa e di sviluppo con particolare attenzione al paese che lavora. Nelle misure preparate dall’esecutivo, niente o pochissimo di questo c’è. Il peso della manovra è tutto sui lavoratori e pensionati, con tasse lineari sulla casa e sui consumi (ICI anche per prima casa, aumento IVA e aumento accise benzina)”. Per le Federazioni dei Metalmeccanici l’aumento dei requisiti per andare in pensione unito al passaggio al contributivo per tutti e blocco delle rivalutazioni sulle pensioni non ha nulla di equo e accettabile. “Si vogliono utilizzare i soldi dei pensionati solo per fare cassa senza nessuna reale garanzia occupazionale e previdenziale per le future generazioni”, affermano ancora Fim e Uilm che a Messina sciopereranno domani, mercoledì 7 dicembre, durante le ultime 2 ore lavorative svolgendo assemblee sui luoghi di lavoro con i rappresentanti RSU. “La manovra – concludono le segreterie provinciali di Fim e Uil – deve essere cambiata. Esigiamo equità, diritto alla pensione e garanzie del posto di lavoro.

Interdetta una maestra che insultava e picchiava i bambini a scuola

scuolaelementare.jpgUna maestra di 62 anni, L.A., che insegna matematica nella scuola elementare Luigi Boer, e’ stata interdetta dall’insegnamento in qualsiasi scuola pubblica per due mesi. La docente e’ accusata di avere insultato e picchiato i propri alunni. L’insegnante avrebbe minacciato di punire i bambini con una bacchetta chiodata, li avrebbe presi a sberle e li avrebbe apostrofati con epiteti come “pecorone”, “deficiente”, “mongolo”, “handicappato” e “cretino”. Le indagini della polizia sono state avviate dopo le denunce dei genitori di tre alunni della II elementare. Gli agenti hanno anche effettuato videoregistrazioni in classe all’insaputa della maestra. Nelle immagini era evidente il comportamento della donna, che piu’ volte ha preso a schiaffi, sculacciate e spintoni i bambini tirando loro anche i capelli e le orecchie. Gli alunni, che sono stati interrogati con l’ausilio di una psicologa infantile, hanno descritto i comportamenti dell’insegnante e la loro paura di andare in classe. I piccoli hanno rappresentato l’insegnante in alcuni disegni, descrivendola mentre urlava con i canini di fuori. La docente ha anche avuto il coraggio di negare ogni addebito.

Oggi l’inaugurazione della mostra di Nunzio Ardiri

lartista-nunzio-ardiri.jpgLa Galleria d’Arte “Il Gabbiano” espone la personale di pittura dal 2 all’ 8 dicembre 2011 di Nunzio Ardiri… un mondo incontaminato1981 – 2011 : 30 anni di vita con i colori dai fondali marini al Sistema Solare passando per . . . boschi, laghi, cascate, marine, fiori, animali, nature morte, miniquadri e … un falso Caravaggio. Inaugurazione: Venerdì 2 dicembre 2011 ore 18 Presentazione: Maria Froncillo Nicosia. Nel corso dell’inaugurazione, sarà presentato il Catalogo d’Arte a colori, avente carattere antologico, realizzato con il patrocinio dell’Amministrazione Provinciale di Catanzaro nella ricorrenza del trentennale di attività dell’artista. La Mostra potrà essere visitata tutti i giorni, compreso sabato e festivi, dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 20 – INGRESSO LIBERO